Lezione 5 Spread

Italy FX Uni
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lezione 5 – Scegliere il broker, dettagli tecnici

Nella lezione n.4 abbiamo presentato alcune caratteristiche da tenere in considerazione nella scelta del broker ma vi abbiamo rimandato a questa lezione per quelle più tecniche per le quali c’è bisogno di una analisi più approfondita. Le caratteristiche di cui vi parleremo in questa lezione al fine di scegliere i broker che più si addicono alle vostre esigenze sono:

  • Gli spread
  • I tassi di rollover
  • I limiti di lotto per operare
  • La tipologia di piattaforma
  • Leva Finanziaria

Gli Spread

Anche se ci torneremo più volte e per diversi motivi su questo argomento, è bene familiarizzare con gli spread sin da subito. Nelle scorse lezioni abbiamo visto in cosa consiste lo spread, che per sintetizzare possiamo definirlo come il differenziale tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di una determinata coppia valutaria. Questa differenza costituisce il guadagno del broker perciò più alto è lo spread, più ci guadagna il broker. Ovviamente, più guadagna il broker e più paghiamo noi, perciò occorre trovare un broker che abbia degli spread minimi, notevolmente bassi.

Ora, essendo gli spread delle “fonti di guadagno” che provengono dalle singole operazioni, il broker sarà in ogni caso interessato al fatto che voi facciate più operazioni possibili, e quindi farà il “tifo” per voi. Inoltre, va considerato che più il broker è “popolato” di trader, più guadagnerà da singole operazioni e quindi più bassi potrà impostare gli spread. Per questo motivo, se sceglierete un broker “grosso”, potrete contare sugli spread più bassi.

I Tassi di Rollover

Per spiegare cosa siano i tassi di rollover partiamo dalla parola “rollover” che significa “rinnovo”, ovvero la fine di un ciclo per l’inizio di un altro. Per quanto riguarda il Forex, il rollover consiste nell’estensione della data di regolamento di una posizione aperta (es. posizione d’acquisto o “long” sull’EUR/USD). Nel Forex tutte le operazioni vanno chiuse entro le 17 ore USA, che costituisce la data di regolamento. Un’operazione che resta aperta dopo questo orario sarà soggetta al rollover, al rinnovo per il giorno successivo. Questa operazione è soggetta ad un tasso, chiamato tasso di rollover (positivo o negativo) che vedremo meglio in un articolo ad esso dedicato.

Limiti di Lotto per Operare

Presentata così appare davvero difficile comprendere di cosa si stia parlando, ma nella pratica è davvero molto più semplice. In pratica, quando si negozia sui mercati, tra cui il Forex, vi sono dei lotti minimi sui quali negoziare. Per lotti, si intendono delle quantità di titoli o in questo caso di valute. Più semplice è spiegarlo per le azioni: se ad esempio vogliamo acquistare azioni Telecom con CFD, possiamo farlo con un lotto minimo di 100 azioni, ovvero non potremo acquistare 50 azioni ma almeno 100. Questo è il lotto minimo per operare.

Tipologia di Piattaforma

La tipologia di piattaforma dipende dalla tipologia di broker, che solitamente è specializzato in un solo tipo di piattaforma (eccezioni ce ne sono, come ad esempio Markets.com che gestisce anche Top Option). Per “tipologia” si può intendere o la grande categorizzazione “CFD” contrapposta a quella “Opzioni Binarie”, oppure la tipologia di piattaforma/broker solo per quanto riguarda i CFD. Ad esempio, nel mondo vi sono piattaforme totalmente automatizzate, altre no, altre miste. Nel Forex esistono due grandi tipologie di broker quali market maker ed ECN.

I broker di tipo market maker creano il mercato (sono dei market maker, per l’appunto) perciò le compravendite avvengono tra i soggetti che operano con la stessa piattaforma del broker, in una sorta di micro mercato parallelo a quello del Forex.

I broker di tipo ECN è più sicura e prevede l’accettazione dell’ordine impartito dal cliente (voi) e l’esecuzione se questa è possibile.

Per quanto riguarda la leva finanziaria, vi rimandiamo alla lezione ad essa dedicata.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »