Lezione Forex in Italiano – 1 Glossario

Italy FX Uni
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lezione 1 – Termini del Forex

In questo primo articolo dedicato al Forex ci concentriamo sulla terminologia, ovvero sul glossario di termini che nel percorso didattico non mancano mai. Prima di iniziare ad operare anche in modalità demo vi sarà molto comodo conoscere i termini del Forex in modo tale da sapere sempre con cosa avrete a che fare. Un po’ come per il giocatore che deve conoscere le regole del gioco prima di giocare a casaccio, così chi vuole iniziare a fare trading deve conoscere le regole della negoziazione e la sua terminologia. Molti termini sono inglesi e vengono utilizzati allo stesso modo anche in Italia, perciò anche se vi forniremo delle traduzioni più o meno alla lettera, abituatevi ad usarli e riconoscergli anche in versione originale.

Foreign Exchange

Cosa è il Foreign Exchange? Facile, è il Forex. Questa parola è infatti una forma abbreviata di Foreign Exchange Market ovvero “Mercato di Scambio della Valuta Estera”, anche detto “mercato delle valute” o “mercato valutario”. Si tratta del mercato dalle dimensioni più grandi, con un numero di transazioni spaventoso e che non si ferma mai. Ogni giorno il volume di scambi è di circa 2.000 miliardi di dollari e vi accedono grandi istituzioni bancarie, banche d’investimento, governi, multinazionali ma anche piccoli investitori i quali possono operare soltanto tramite i broker e le banche. Per questo motivo, nel caso desideraste investire nel Forex, dovreste rivolgervi ad un broker (anche ad un broker online, molto più economico) o ad una banca (con costi di commissione molto elevati).

Tasso di Cambio

Per tasso di cambio si intende il rapporto tra due valute. Prendendo ad esempio una coppia valutariacome l’EUR/USD, quella barra sta proprio come barra divisoria. Si tratta di un rapporto tra l’euro e il dollaro, quindi vi è un numeratore (l’euro) e un denominatore (il dollaro). L’ordine di acquisto o di vendita è relativo alla valuta che si trova al denominatore.

Prendendo sempre come esempio la coppia valutaria EUR/USD e si “compra” (comprare EUR/USD), vuol dire che si compra l’euro e si vende contemporaneamente il suo valore espresso in dollari USA.

Chi compra EUR/USD si può dire anche “rialzista di EUR/USD”, ovvero “va lungo”.

Abituatevi a questi modi di dire poiché nel Forex sono il pane quotidiano.

Al contrario, chi vende EUR/USD è ribassista di EUR/USD e “va corto”.

Andare Lungo, Andare Corto

Andare lungo e andare corto sono due termini Forex che incontrerete sempre ma sono allo stesso tempo molto semplici. Li abbiamo già visti nel paragrafo precedente ma potreste pensare che si usa soltanto con la coppia EUR/USD. In realtà, ogni acquisto è un andare lungo, così come ogni vendita è un andare corto.

Ora, ricordatevi che nel trading online potrete aprire posizioni di “corto” anche senza acquistare precedentemente. Una caratteristica che vi consente di guadagnare sia puntando sui rialzi, sia sui ribassi.

Perché EUR/USD e non USD/EUR?

Ogni coppia valutaria ha un denominatore e un numeratori fissi, immutabili, non commutabili. Quando si fa riferimento alla coppia Euro Dollaro si usa e si fa riferimento alla EUR/USD e lo stesso accade nelle altre coppie. Le principali, chiamate anche primarie sono:

  • EUR/GBP
  • GBP/USD
  • AUS/USD
  • NZD/USD
  • USD/JPY
  • EUR/JPY
  • GBP/JPY

L’euro si trova sempre al numeratore.

Nella prossima lezione, scopriremo cosa sono le quotazioni del Forex e faremo qualche esempio per comprenderle al meglio.


 



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »